Un film sul Merlot per rilanciare le vendite

Tempo fa avevo scritto delle aziende bianchiste che avevano finanziato la ricerca per scoprire gli effetti positivi dei vini bianchi dopo che per anni non si era parlato di altro che degli effetti positivi dei rossi – con evidenti effetti sulle vendite.

Un simile caso è quello del Merlot. Dopo il successo di Sideways, le vendite di Pinot Nero sono salite alle stelle a discapito di quelle del Merlot. Il motivo? Secondo uno dei protagonisti a un vero intenditore poteva piacere il Pinot Nero, ma di sicuro non il Merlot che è una roba da principianti. Così su Decanter è uscita la notizia che il documentarista californiano Rudy McClain sta lavorando a un nuovo progetto dal titolo inequivocabile, Merlove. Il documentario include interviste ai produttori di Merlot da tutto il mondo e il prossimo novembre sarà a Bordeaux a continuare il suo lavoro.

Riuscirà questo documentario a dare una svolta al fatturato dei produttori di Merlot (soprattutto californiani) che sono stati più colpiti dalla Sideways Syndrome? E riuscirà McClain, che da quanto si legge sempre su Decanter sta cercando finanziamenti per questo progetto, a realizzare un vero documentario e non uno spot televisivo particolarmente lungo?

Back to my cynical self…

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

Consulente di comunicazione e marketing enogastronomico per aziende piccole e grandi. Docente presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. l'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, lo IUSVE di Venezia e la Fondazione E. Mach. Autrice di vari volumi tra cui i manuali Marketing del vino (terza edizione 2021, Edizioni LSWR), Marketing del gusto (2015, Edizioni LSWR, con Luciana Squadrilli), e Marketing dei prodotti enogastronomici all'estero (2017, Edizioni LSWR, con Luciana Squadrilli e Rita Lauretti).

Lascia un commento

*