Aziende vitivinicole statunitensi e vendite dirette

Questionario su aziende vitivinicole negli Stati UnitiUna ricerca statunitense ha cercato di determinare di recente l’importanza che hanno le vendite dirette per le aziende vitivinicole americane. Ecco una sintesi dei risultati più importanti per chi non ha tempo di leggersi tutto l’articolo.

  • il 57% delle aziende intervistate dichiara di conoscere bene i propri 50 migliori clienti nelle vendite dirette;
  • secondo il 60% delle aziende vitivinicole intervistate è stato fatto da loro un ottimo lavoro di raccolta degli indirizzi postali e email dei clienti della vendita diretta;
  • il 69% degli intervistati comunica almeno ogni trimestre con i propri clienti attraverso newsletter, inviti, ecc.;
  • oltre il 60% degli intervistati ritiene che sia importante dare incentivi economici al personale che si occupa della vendita diretta;
  • la vendita diretta e le altre strategie promozionali e distributive vengono gesitete separatamente (sarebbe invece necessario mantenere una certa coerenza tra i due canali per costruire il brand aziendale);
  • le sale di degustazione sono l’elemento più importante per generare vendite dirette; seguono, con valori molto più bassi, i wine club, il direct marketing, e le vendite sul web.

Foto di Hossein Khosravi

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

Consulente di comunicazione e marketing enogastronomico per aziende piccole e grandi. Docente presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. l'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, lo IUSVE di Venezia e la Fondazione E. Mach. Autrice di vari volumi tra cui i manuali Marketing del vino (terza edizione 2021, Edizioni LSWR), Marketing del gusto (2015, Edizioni LSWR, con Luciana Squadrilli), e Marketing dei prodotti enogastronomici all'estero (2017, Edizioni LSWR, con Luciana Squadrilli e Rita Lauretti).

2 comments

Buongiorno,
sarebbe così gentile da dirmi il titolo e gli autori di questa ricerca? sono un tesista sul marketing del vino e sarei interessato.
Grazie

Lascia un commento

*