Un concorso per i navigatori, un test per l’azienda

Segnalo quest’attività che ho trovato molto interessante. Si tratta di un progetto di comunicazione della Nukork, una società australiana che produce tappi sintetici.

L’attività consiste in un concorso rivolto ai navigatori del sito Infowine i quali cliccando su un banner che appare nelle versioni italiana, francese e spagnola possono vincere dei prodotti gastronomici australiani.

Quali sono gli obiettivi di questa iniziativa? Testare il comportamento degli utenti internet in relazione ai banner, con una specifica definizione del target: i lettori di Infowine non sono infatti consumatori ma professionisti del vino. Attraverso il banner che pubblicizza il concorso solo in questo sito e nelle tre lingue già indicate, l’azienda punta a colpire i professionisti che operano in quei paesi nei quali sta già investendo offline. Questo ovviamente si aggiunge all’obiettivo di aumentare la notorietà e i contatti con i professionisti del settore.
Questa secondo l’azienda è l’unica forma di advertising che può dare “un’indicazione matematica di quanta gente vede l’ad, e quindi del successo dell’iniziativa”, e in questo senso diventa, e questo è l’aspetto che mi ha più incuriosito, un vero e proprio test per investimenti pubblicitari online più importanti in futuro. Funziona internet sì o no? Avendo a disposizione un budget di circa 2000 euro l’azienda ha deciso di fare un test direttamente sul campo senza perdere tempo a chiedersi se, ipoteticamente, valga la pena oppure no.

Un po’ quello che sogna ogni marketer…

Foto di Clinton Cardozo

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

Consulente di comunicazione e marketing enogastronomico per aziende piccole e grandi. Docente presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. l'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, lo IUSVE di Venezia e la Fondazione E. Mach. Autrice di vari volumi tra cui i manuali Marketing del vino (terza edizione 2021, Edizioni LSWR), Marketing del gusto (2015, Edizioni LSWR, con Luciana Squadrilli), e Marketing dei prodotti enogastronomici all'estero (2017, Edizioni LSWR, con Luciana Squadrilli e Rita Lauretti).

Lascia un commento

*