metodo Simonit&Sirch: un video per raccontare la poesia della potatura

I ragazzi di Mosaicoon tornano con un altro bel progetto video dopo la campagna di Tasca d’Almerita. Si tratta del video Allunga la Vita alla Vite in cui viene spiegato il metodo di potatura Simonit e Sirch – preparatori d’uva. Il video racconta il risultato di venti anni di ricerca, racconta una filosofia volta a potare la vite in modo da allungarne la vita perché questo vuol dire anche aumentare la qualità dei vini – dalle vecchie viti, è cosa nota, si ottengono meno grappoli ma vini di migliore qualità.
La bellezza di questo video sta nella capacità di spiegare questa filosofia senza utilizzare tecnicismi e senza riprodurre una lezione di potatura. Tutt’altro: grazie a una bellissima fotografia, a un montaggio che sfrutta al meglio la musica si viene trasportati in vigna, da un capo all’altro dell’Italia.

About Slawka

Consulente di comunicazione e marketing enogastronomico per aziende piccole e grandi. Docente presso la LUISS Business School, l'Università di Salerno, la Fondazione E. Mach e la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. Autrice di vari volumi tra cui i manuali Marketing del vino (2014, Edizioni LSWR) e Marketing del gusto (2015, Edizioni LSWR, con Luciana Squadrilli)

2 comments

Ho partecipato in questi giorni al corso di potatura nella bella cornice dell’azienda San Felice nel cuore del Chianti Classico.
Oltre alla spiegazione teorica e pratica della tecnica di potatura c’e stata un’ introduzione di un professore universitario che ci ha parlato della vite e il secondo giorno un’altra professoressa dell’università di Firenze ci ha parlato del mal dell’esca; già queste due cose sono state molto interessanti.

Ma venendo alla tecnica di potatura penso che la utilizzerò nei miei vigneti, ritengo che sia valida e penso che ovvierà ad alcuni problemi che ho nelle viti.
Per chi si vuole avvicinare a questo modo di potare posso solo dire che e’ il contrario pari pari di quello che abbiamo fatto fino ad oggi, perciò bisogna essere aperti a nuove pratiche

Lascia un commento

*