US, recessione e vino: il mercato cresce in volumi ma non a valore

Per la prima volta in 15 anni gli americani stanno acquistando vino più economico: insomma, nel 2008 il mercato del vino cresce ancora in volumi (anche se con un misero +0.9%) ma cala a valore dell’1,7% rispetto al 2007, pari a 30miliardi di dollari. Questo è il risultato di una ricerca effettuata da Gomberg-Fredrikson & Associates per conto del Wine Institute of California

Insomma, il clima di recessione ha spostato le preferenze dei consumatori non su altri prodotti, diversi dal vino, ma su vini più economici. L’ultima volta che il mercato è sceso a valore è stato proprio 15 anni fa, con l’ultima recessione. Secondo quelli della Gomberg-Frederikson e associati, inoltre, i consumatori anche se puntano a prodotti dal prezzo inferiore continuano a concendersi comunque, ogni tanto, una bottiglia di vino più costosa. Il vino sembrerebbe dunque essere concepito come un lusso accessibile. (Via Decanter)

E restando in tema, segnalo anche questo post di Vino24 in cui si parla di Recession Wines, la linea di vini pensata per l’economia in crisi e promossa da Poris Hilton, spassosa parodia di Paris.

Consulente di comunicazione e marketing enogastronomico per aziende piccole e grandi. Docente presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. l'Università di Salerno, lo IUSVE di Venezia e la Fondazione E. Mach. Autrice di vari volumi tra cui i manuali Marketing del vino (2014, Edizioni LSWR, seconda edizione nel 2017), Marketing del gusto (2015, Edizioni LSWR, con Luciana Squadrilli), e Marketing dei prodotti enogastronomici all'estero (2017, Edizioni LSWR, con Luciana Squadrilli e Rita Lauretti).

Lascia un commento

*