Cresce la spesa pubblicitaria per vino e alcolici in Cina

Mentre la crescita degli investimenti pubblicitari che si è verificata negli ultimi anni in Cina comincia a rallentare, nel 2005 c’è stata un’impennata della spesa pubblicitaria per vino e altri alcolici. Tra i fattori determinanti, la riduzione dei dazi di importazione sugli alcolici che ha attirato gli investitori stranieri.

Vino e alcolici si inseriscono così in un paniere più ampio di prodotti fortemente pubblicizzati, appartenenti tutti alla categoria “beni di lusso!, che puntano a sfruttare lo stile di vita filo occidentale che si sta sviluppando nella nascente classe media.

I media in cui si spende di più sono televisione e carta stampata, anche se quest’ultima sta perdendo posizione (-1%) a vantaggio di radio, tv (+19%) e pubblicità esterna (+79%).

Via WineIndustryReport

Foto di Frédéric Dupont

Questo articolo è disponibile anche in: Inglese

Consulente di comunicazione e marketing enogastronomico per aziende piccole e grandi. Docente presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. l'Università di Salerno, lo IUSVE di Venezia e la Fondazione E. Mach. Autrice di vari volumi tra cui i manuali Marketing del vino (2014, Edizioni LSWR, seconda edizione nel 2017), Marketing del gusto (2015, Edizioni LSWR, con Luciana Squadrilli), e Marketing dei prodotti enogastronomici all'estero (2017, Edizioni LSWR, con Luciana Squadrilli e Rita Lauretti).

Lascia un commento

*