Attenzione ai vini australiani

Finora la competizione australiana aveva riguardato una fascia relativamente bassa di prezzo che ha inondato i mercati internazionali sgomitandosi la strada a scapito anche dei vini italiani. Sono emersi tuttavia in questi ultimi mesi alcuni segnali che fanno pensare a un riposizionamento dei vini che vengono da “Down Under”. Già quest’estate, in occasione dell’Australian Wine Marketing Conference numerosi relatori avevano esortato a puntare alla fascia di prezzo (e qualità) medio-alta. Ora entra in gioco anche Jamie O’Dell, direttore generale della Foster’s Wine Estate che ha esortato i produttori australiani a puntare a un posizionamento più elevato per risolvere il problema della sovrapproduzione di vini in Australia. Vitisphere, a questo proposito, fa notare come negli USA la crescita del mercato vinicolo è trainata da vini di prezzo superiore a $15, e in questa fascia i vini australiani rappresentano solo lo 0,5% del mercato mentre è proprio su questi prezzi che sono cresciute di recente le nostre esportazioni. Attenzione quindi ai concorrenti australiani che da indiretti, seguendo i termini del marketing, hanno tutta intenzione di diventare concorrenti diretti.

About Slawka

Consulente di comunicazione e marketing enogastronomico per aziende piccole e grandi. Docente presso la LUISS Business School, l'Università di Salerno, la Fondazione E. Mach e la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. Autrice di vari volumi tra cui i manuali Marketing del vino (2014, Edizioni LSWR) e Marketing del gusto (2015, Edizioni LSWR, con Luciana Squadrilli)

Lascia un commento

*